(E io vi narrerò di un intervallo realE)

Nea: NuovaEcologiaArtistica

Le mie riflessioni estemporanee nascono sempre da dettagli piccolissimi. Questa, nello specifico, sorge naturalmente dalla singolare assonanza tra il Nome, anzi Cognome, di qualcuno con cui sono di recente venuta in contrasto e uno dei tre personaggi della storia che sto per raccontarvi, grazie alla quale ho avuto una delle migliori rivelazioni della mia vita.

Giorgioera un Cavaliere.

Ci ha raccontato di lui Jacopo da Varagine, nel libro LVIII della sua Legenda Aurea composta a partire dal 1260 circa.

Jacopo narra di una cittadella chiamata Selem, in Libia, in cui c’era un grande lago, profondo e oscuro. In esso, si nascondeva un drago malefico che uccideva, col suo putrido e fetente soffio, chiunque incrociasse la sua strada. Per placare la sua famelica brutalità, la popolazione gli prometteva in sacrificio due pecore al giorno. A un certo punto, però, le risorse cominciarono a consumarsi e gli abitanti furono costretti…

View original post 548 altre parole

Annunci